A TAVOLA CON IL BRAND

FACCE DA CHEF

DOLCE PARMA

IL PANINO DELLO CHEF

TUTTOBASEBALL

CREDITI E CONTATTI
Redazione:
Luigino Saracchi
Chiara Zaccardi
Marzia Mavilla

Fotografia:
Ivano Zinelli
zinelli@parmataste.com

Grafica:
Saracchi Studio
info@saracchistudio.com
GESTIONE PUBBLICITÀ

Strada Petrarca, 7
43121 Parma
Tel. 0521.231310
info@sspcommunication.com
mangiare a parma

SALONE DEL GUSTO. PARMIGIANO REGGIANO: QUANDO IL CUORE BATTE IL MARKETING

di Simona Vitali

Visitare il Salone del Gusto significa avere le ideesempre più chiare su ciò che si vuole andare a raccogliere. Uno spazio immenso, una miriade di espositori a rappresentanza del mondo intero, qui è il caso di dirlo, iniziative culturali di varia natura che si avvicendano e sovente si sovrappongono. Si tratta di scegliere, possibilmente a priori, il proprio percorso per ottimizzare il tempo di permanenza, ma soprattutto per non lasciarsi trascinare da una disorientante marea umana che si muove in tutte le direzioni.

Continua a leggere
E così anche quest'anno abbiamo fatto le nostre scelte. Come la decisione di entrare nel vivo delle iniziative di un Consorzio, quello del Parmigiano Reggiano, che negli ultimi tempi si è distinto in modo particolare per pragmatismo e reale compartecipazione alle vicissitudini dei propri consorziati. Cose di non poco conto. Emozionano le parole del presidente Giuseppe Alai, quando racconta dei risvolti della campagna vendite del parmigiano on-line, coordinata dopo il sisma dell' Emilia, per la solidarietà che gli italiani da ogni dove hanno manifestato. E colpisce sentire che nelle case di molti di loro questo prodotto è entrato per la prima volta in una simile occasione. La via del cuore arriva molto più lontano della più agguerrita campagna di marketing.
Per non parlare dell'ultimo importante risultato portato a casa in occasione di Sial, il Salone internazionale dell'agroalimentare di Parigi, che ha visto il Consorzio ottenere l'immediato ritiro del "Parmesan", prodotto da tre imprese statunitensi e una egiziana. L'applauso spontaneo e scrosciante della nuvola dei presenti, che ha interrotto le parole di Alai, sa di orgoglio nazionale.

Ci siamo quindi calati nel cuore degli eventi pensati dal Consorzio in occasione del Salone. Gradevolissimo l'appuntamento, ad opera dell'associazione Chef to chef Emilia Romagna, con chef di rilievo del calibro di Aurora Mazzuchelli, Igles Corelli, Luca Marchini, Romano Tamani, Massimo Spigaroli, Gianni D'Amato e Andrea Bartolini. A tutti loro è stato chiesto di ideare ricette che valorizzassero il Parmigiano Reggiano. Ma a rapire è stata la sapiente regia di questi momenti, accompagnati da video e interviste ad opera del giornalista Luigi Franchi, coordinatore eventi di chef to chef, acuto e mai banale nell' approccio con i suoi interlocutori. Strano a dirsi, in un contesto rumoroso come quello del Salone, ma l'atmosfera che si è venuta a creare è stata come avvolgente, ovattata rispetto al frastuonoesterno. Tanto il coinvolgimento e l'interesse suscitati. Bello!

E poi un'iniziativa che ha inteso varcare idealmente i confini del Salone arrivando in tutte le case degli italiani:Parmigiano Reggiano Night, l'idea di ringraziare e unire le famiglie italiane nel nome della solidarietà manifestata in occasione del sisma.E questo invitando tutti a preparare nella stessa serata di sabato una cena a base di parmigiano, magari prendendo spunto dalla ricetta ideata per l'occasione dallo chef Massimo Bottura.

Un filo rosso quella sera ha attraversato tutta l'Italia trovando il consenso di circa 25.000 persone!Ma non solo: grazie ai social media la cena si è propagata in diverse città del mondo. Emozionante. Anche questo.

Il Salone del Gusto si rivelasempre più marcatamente un impegno nel nome del piacere del cibo, ma anche della responsabilità sociale circa i grandi temi che attanagliano il mondo proprio a partire dal cibo. Aggirarsi fra le corsie del Salone significa anche ritrovare volti e prodotti conosciuti, scoprirne ogni volta dei nuovi e, di fatto, il privilegio di trovare in un unico ambito uno spaccato di luoghi, culture ma soprattutto di umanità.
Pur consapevoli di tutto ciò, in un momento storico come questo, abbiamo scelto disoffermarci su una realtà locale, il Consorzio del Parmigiano Reggiano, proprio perché ultimamente ha innescato una marcia in più. E si è visto. E si è sentito. E noi ovviamente, da parmigiani, ne siamo molto orgogliosi!


TORNA EVENTI