A TAVOLA CON IL BRAND

FACCE DA CHEF

DOLCE PARMA

IL PANINO DELLO CHEF

TUTTOBASEBALL

CREDITI E CONTATTI
Redazione:
Luigino Saracchi
Chiara Zaccardi
Marzia Mavilla

Fotografia:
Ivano Zinelli
zinelli@parmataste.com

Grafica:
Saracchi Studio
info@saracchistudio.com
GESTIONE PUBBLICITÀ

Strada Petrarca, 7
43121 Parma
Tel. 0521.231310
info@sspcommunication.com
mangiare a parma

MAI DIRE "BUON APPETITO"!

di Chiara Zaccardi

Le regole del galateo a tavola sono ben precise, ma non tutti (anzi, in pochi) le rispettano. Vediamo allora gli sbagli più comuni che si commettono durante i pasti, ovvero tutti quei gesti e quelle abitudini chel'Accademia Italiana Galateo boccerebbe.
1) Buon appetito! Molti pensano che augurare "buon appetito" sia un atto di cortesia, ma in realtà è sbagliato iniziare il pasto in questo modo. Secondo il galateo: per gli aristocratici, infatti, la tavola era un'occasione per conversare, creare alleanze e stipulare accordi. La nobiltà non arrivava mai affamata a una tavola formale. Ecco perché l'inizio del pasto dovrebbe avvenire in silenzio e con disinvoltura, seguendo il padrone o la padrona di casa.
2) Cin Cin. Durante il brindisi dire "cin cin"è un'abitudine sbagliata molto comune. Secondo il galateo: "cin cin"deriva da una moda orientale diffusa nello scorso secolo nei salotti borghesi, un augurio che non si addice alle situazioni formali, così come è da evitare l'esclamazione italiana "bollicine". Il bon ton vuole che i calici vengano alzati con un piccolo e discreto cenno. Niente però vieta di esprimere un augurio sincero e originale.
3) Posate. Durante le interruzioni del pasto mai appoggiare le posate con i lembi al piatto e le basi sulla tovaglia: sughi o oli possono colare e sporcare. Secondo il galateo: durante le pause le posate vanno messe nel piatto con i lembi rivolti verso il basso, la posizione esatta è raffigurata dalle 20.20 dell'orologio. Finito il pasto le posate sono con i lembi verso l'alto, parallele alle ore 6.30.
4) Tovagliolo. Da utilizzare non solo quando si mangia, ma anche dopo aver bevuto. Secondo il galateo: deve essere usato ogni volta che si decide di bere un sorso d'acqua o di vino, per non lasciare sui bicchieri l'impronta delle labbra.
5) Sale. In caso un piatto sia poco saporito è considerato di cattivo gusto chiedere il sale alla padrona di casa. Secondo il galateo: il sale era la moneta dell'antichità. Ancora oggi sulla tavola dovrebbe essere sempre presente, in piccole ciotoline e mai nelle saliere. Chiedere il sale, se non presente sulla tavola, è scorretto,poiché sottintende che non si apprezza il cibo offerto. Inoltre, essendo indice di ricchezza, avrebbe potuto mettere a disagio la padrona di casa nel caso lo avesse finito.
6) Tagliare uova e formaggio. Mai servirsi del coltello. Secondo il galateo: le uova e il formaggio morbido possono essere tagliati con la forchetta, quindi non serve il coltello. Ancora peggio sarebbe utilizzare il coltello per aiutarsi a raccogliere formaggio, uova o altro sulla forchetta. Molto meglio usare un pezzetto di pane.
7) Spezzare il pane. Esclusivamente con le mani. Secondo il galateo: il pane va spezzato in piccoli pezzi sul piattino da pane posto alla destra del piatto, senza riempire di briciole la tavola e senza usare il coltello.
8) Bere il brodo. per raccogliere gli ultimi cucchiai del brodo un'abitudine è spesso quella di rivolgere il piatto o la tazza verso se stessi, invece che verso l'interno del piatto. E' sbagliato. Secondo il galateo: inclinando verso di sé il piatto si ha meno padronanza del gesto ed è possibile rovesciare il tutto. Inclinandolo verso l'esterno si riesce a gestire meglio il gesto senza assumere posizioni scorrette.
9) Caffè. Mettere in bocca il cucchiaino del caffè dopo aver mescolato è sbagliato. Secondo il galateo: il cucchiaino va portato alla bocca solo quando bisogna mangiare qualcosa, mai per pulirlo. Il caffè deve essere mescolato con delicatezza, meglio se dal basso verso l'alto (il movimento circolare e veloce è scorretto),e dopo va appoggiato sul lato del piattino.
10) Piatti e bicchieri. La maggior parte delle persone non conosce la giusta posizione di piatti, bicchieri e posate a tavola. Secondo il galateo: le posate sono ai lati del piatto, alla destra vanno i coltelli con la lama rivolta verso l'interno e per ultimo, all'esterno, il cucchiaio. Alla sinistra le forchette in ordine di utilizzo, dall'esterno all'interno. I bicchieri vanno posizionati sulla metà a sinistra del piatto alto. Il bicchiere del vino deve stare sopra la punta del coltello e verso il centro il bicchiere dell'acqua. Vicino ai bicchieri va posizionato il piattino per il pane.
Insomma, se volete essere dei perfetti padroni di casa e allestire una tavola a regola d'arte seguire il bon ton è d'obbligo galateoitaliano.it... Ma non dimenticate di trovare ospiti che sappiano apprezzare i vostri sforzi!


TORNA CURIOSITA'